Cari Giudici e se il piccolo Alfie Evans fosse stato vostro figlio ? e’ stato negato il trasferimento a Roma per ricevere altre cure

Il bambino i non potrà ricevere cure in Italia
Un giudice britannico decide di non permettere ad Alfie Evans di recarsi a Roma.  perche’ togliere speranze ai genitori . in nome di chi si decide  la sorte di un bambino = Dio aiuta questa famiglia che cerca di fare l’impossibile per il loro bimbo. Cari giudici perche’ non vi mettete una mano sulla coscienza ?
e se fosse stato vostro figlio ?SE VIVERE O MORIRE LO DECIDE UN GIUDICE ????=??

Il piccolo Alfie Evans,  di 23 mesi che soffre di una rara malattia neurologica degenerativa ed è stato al centro di una lunga battaglia legale, non potrà essere trasferito a Roma per continuare il trattamento. Un giudice della Corte Superiore di Manchester ha negato martedì ai genitori del bambino la possibilità di trasferirlo in Italia per tenerlo in vita in un ospedale..

e. La giustizia ha già dato ragione ai dottori dell’ospedale Alder Hey di Liverpool: non c’è speranza che il bambino migliori, che sia in uno stato semi-gestazionale e ricoverato in ospedale da dicembre 2016. I genitori, che insistono sul fatto che il loro piccolo non soffre, hanno perso la battaglia in tre casi di giustizia britannica e davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo. Lunedì abbiamo proceduto a disconnettere la respirazione assistita. Ma, secondo suo padre, il piccolo Alfie ha respirato senza aiuto per sei ore. I medici, ha detto l’avvocato dei genitori, sono stati “moralmente obbligati a tornare a fornire acqua e ossigeno”.

Dopo essersi assicurato che il bambino stesse ancora respirando, i genitori, Tom Evans e Kate James, ventenni provenienti da Liverpool, avevano ricevuto un’audizione urgente martedì davanti a un giudice dell’Alta Corte di Manchester, che aveva stabilito che i medici potevano ritirare il trattamento del bambino contro i desideri dei suoi genitori. Chiesero che l’ordine fosse revocato, impedendo ad Alfie di lasciare l’ospedale di Liverpool per poterlo trasferire in Italia, dove gli era stato offerto di continuare il trattamento. I genitori hanno ricevuto il sostegno di Papa Francesco e del governo italiano, che ha dato al bambino la nazionalità con l’idea di trasferirlo a Roma per continuare a ricevere cure mediche.

 

Questa foto di Alfie e suo padre che dormivano sullo sfondo è stata pubblicata su Facebook a mezzanotte

 

 

 

 

fonte  EL PAIS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *